,

)*(Stazione Celeste)

 

 

I Portatori di Presenza

canalizzati da Paola Borgini
in Presenza di Pietro Abbondanza

 

 

  

 

 

Venerdì 10 aprile 2020
nel webinar del gruppo fb Ponti di Luce



Le pandemie servono
all'evoluzione dell'umanità?

 


[l'audio della sessione di channeling]


[il video della sessione di channeling]

 

 

Ore ~ 22,22


Amate Guide la nostra domanda è: le pandemie servono all'evoluzione dell'umanità? Grazie
 


  Benvenuti, amati fratelli,

benvenuti in questa che è la Terra delle Guide del Verbo.

Siete qua con la vostra individualità, siete qua con la vostra storia personale, con la personale storia della vostra incarnazione di adesso, ma se voi per un momento lasciate da parte quelli che sono i vostri pensieri e le vostre aspettative, vi rendereste conto che non siete qua da soli.

Dietro a ognuno di voi c'è una grande famiglia biologica, dietro a ognuno di voi c'è tutto un entourage di guide spirituali e di antenati che stanno a guardare quelle che sono le vostre scelte, che ascoltano le vostre parole. Non perché i vostri antenati abbiano la loro presenza nella vostra vita, ma perché i vostri antenati sono scolpiti, non nella pietra, ma nella carne. E quando c'è la scrittura nella carne, quella scrittura… oh, credeteci amati fratelli, quella scrittura bypassa ed è molto più incisiva di quella che potrebbe essere la scrittura di un uomo nella pietra.

Voi ci fate una domanda, tutto sommato questa domanda ci sembra legittima, tutto sommato questa domanda ci sembra una domanda che scaturisce dalle vostre necessità, però noi non vogliamo rispondere alla vostra domanda descrivendovi, o meglio, raccontandovi la storia dell'uomo dalla parte della visione dei Portatori di Presenza; noi vogliamo rispondere a questa domanda rispondendo non solamente a voi, ma a tutta quella parte di voi che adesso è qua in Presenza con la sua dinastia biologica, con un suo codice genetico, con tutte le storie che sono corse e ricorse prima di voi.

Tutte le parti di voi, che hanno affrontato una difficoltà come questa, hanno reagito in un determinato modo: c'è la parte di voi che ha reagito con la paura; c'è la parte di voi che ha reagito con il coraggio; ce la parte di voi che ha reagito con la capacità di essere martiri e si è buttata in prima linea per salvare i propri fratelli; c'è la parte di voi che ha reagito negando che ci fosse un'emergenza; c’è la parte di voi che invece ha reagito cercando di approfittare di questa situazione e questa cosa è successa ed è successa ed è successa e succede ancora e quello che sta succedendo adesso è esattamente uguale a quello che è successo mille anni fa [la pandemia della lebbra, ndr], tanto per andare a cercare una data precisa.

Mille anni fa eravate uomini e mille anni dopo, cioè nel tempo di adesso, voi siete ancora uomini e questa, dal punto di vista dei Portatori di Presenza, è una grande scelta! Significa che le difficoltà che sono corse mille anni fa non hanno fatto piazza pulita di ciò che siete, significa che le difficoltà che sono corse mille anni fa non hanno impedito che voi continuaste e continuaste, continuaste… attraverso quello che i Portatori di Presenza definiscono il sogno della vita.

E se questa sessione fosse inserita in uno di questi libri – oh, e ci piacerebbe che fosse così, perché la domanda è una domanda importante – questa sessione avrebbe come titolo Il Sogno della Vita.

E quindi per rispondere alla vostra domanda e cioè: “Le pandemie servono all'evoluzione dell'umanità?” i Portatori di Presenza vi dicono no, non servono all'evoluzione dell'umanità, ma servono a quello che è il sogno della vita, che vi piaccia o no, che lo sappiate o meno, che ne abbiate l'intuizione o che ne abbiate la certezza o che lo neghiate dall'inizio alla fine della vostra esistenza, la Verità è che voi siete semi di Luce che si fanno Carne… Il seme di Luce ama sognare, ama fantasticare, ama immaginare la sua vita e di conseguenza poi, quando diventa carne sviluppa quel sogno. E le pandemie servono semplicemente a ricordarvi che avete la possibilità di sognare.

Ci saranno alcuni di voi che faranno tesoro di questa esperienza e costruiranno la propria vita, dopo, in una modalità migliore rispetto al prima, è il loro sogno…

Ci saranno molti di voi che si sentiranno vittime, che si sentiranno usurpate, che si sentiranno compresse e che torneranno a fare esattamente le medesime cose, è il loro sogno, è il tessuto sociale di cui è fatta l'umanità, è un tessuto ricamato attraverso i sogni di ognuno di voi come singoli individui.

E quindi la domanda che vi fanno stasera i Portatori di Presenza, e la fanno a ognuno di voi che è qua e sta ascoltando, è: qual è il tuo sogno amato fratello? Che cosa stai sognando in questo momento, chieditelo, osservati, rimani in silenzio, stoppa quelli che sono tutti i condizionamenti che arrivano dall'esterno, stoppa quelle voci disturbanti o meno che arrivano dall'esterno a dirti come ti devi comportare, cosa devi pensare o cosa non devi pensare e chiediti in silenzio in sincerità e trasparenza: “Qual è il mio sogno, che cosa sto sognando io”, perché il tessuto sociale dell'umanità – e vi spiegheremo dopo che cosa intendiamo con queste parole – in realtà, che voi lo crediate o meno, è composto dalla vostra capacità di creare quel sogno.

Il sogno di cui parlano i Portatori di Presenza non è il sogno che voi incontrate quando andate a coricarvi alla sera e lasciate che la vostra mente sia libera di spaziare, finalmente, dove può andare; il sogno di cui vi parlano i Portatori di Presenza stasera è un sogno che ha la valenza di una Visione scritta qui con l'iniziale maiuscola.

Qual è la Visione che hai di te stesso? La Visione che hai di te stesso, il sogno che hai di te stessa è anche l'out che tu stai emettendo all'esterno rispetto a te, e questo è uguale a cento anni fa e questo è uguale a trecento anni fa e questo è uguale a mille anni fa…

E allora se noi volessimo definire questi virus specifici, noi potremmo catalogarli come i risvegliatori del sogno!

È come se a un certo punto vi metteste tutti quanti d'accordo, là, nella vostra parte incosciente, dove, fortunatamente, a volte non riuscite ad arrivare, ma esistete; e là, in quella vostra parte incosciente come umanità, tutti quanti, indistintamente, suonate un campanello e andate a bussare alla porta del risvegliatore di un sogno.

Il Covid-19 è il risvegliatore di un sogno! Così come sono stati prima di lui tanti altri fattori scatenanti… Non è né buono né cattivo, non è né giusto né sbagliato, è semplicemente qualcosa che risponde alla vita nella sua verità, che fa un suo dovere, che fa qualcosa per cui è stato costruito.

E, attraverso questo risvegliatore voi, poi, definite il prossimo passo da fare. E il prossimo passo da fare che definite, non lo definite a livello della vostra organizzazione politica o della vostra capacità di curare i malati, il prossimo passo voi lo definite a livello del vostro essere individui unici, a livello del vostro Io sono la Grande Presenza Io sono.

E per dirla con la Verità, di cui sono portatori i Portatori di Presenza, qualunque sia la scelta che voi facciate: che sia la scelta dell'untore, che sia la scelta del rinnegante, che sia la scelta del coraggioso, che sia la scelta del pavido, voi tutti quanti la fate sempre, sempre, sempre a livello dell'Io sono la Grande Presenza Io sono.

E adesso quindi, amati fratelli, come la mettiamo con le vostre Responsabilità – scritte qui con l'iniziale maiuscola – perché la vostra Responsabilità non è a livello del governo che sforna decreti, non è a livello di quel governo mondiale che stabilisce che ci debba essere un isolamento sociale globale, ma è a livello della vostra scelta nella vita di ogni giorno.

Perché voi siete esseri magnifici, ma complessi, in quanto esseri pensanti. E la vostra – diciamo così – capacità di essere pensanti è la capacità che avete di emettere energia-pensiero.

(E se questo fosse un testo scritto queste parole sarebbero scritte in codesta maniera: energia-pensiero. No, amato canale femminile non abbiamo detto di scrivere energia=pensiero, abbiamo stabilito che energia-pensiero sono due concetti diversi, perché qui l'energia ha come dire la sua Presenza; è l'energia che stabilisce come debbano essere giocate le cose, e il pensiero è solo lo strumento attraverso il quale giocare quelle cose).

Questo virus e tutti i virus precedenti, o meglio, questo risvegliatore di sogni che voi avete scelto di chiamare virus fa parte della vostra coscienza, non perché ognuno di voi sia portatore del Covid-19 – no! – ma perché ognuno di voi è portatore di un virus chiamato risvegliatore di sogni e quando arrivano, arrivano come antennina d'allarme per dirvi: “Che cosa stai facendo? Che cosa stai pensando? Che cosa stai emettendo nell'out? Stai usando la tua capacità di essere coerenza?” E la meraviglia, la meraviglia incredibile di questi risvegliatori di sogni è che agiscono a livello di tutto il vostro tessuto sociale, di tutti quanti voi come umanità.

Il nostro canale femminile sta intervenendo col suo mentale e sta pensando che non è giusto, perché ci sono persone che stanno morendo, persone che lasciano la loro vita per questi risvegliatori di sogni. È forse questo un sacrificio troppo alto da pagare? Amata sorella, noi comprendiamo la tua osservazione, è un osservazione che risiede nel cuore di molti, ma se voi, per un attimo, riusciste a staccarvi da questo e lasciaste che ognuno compia il suo percorso rispetto a questo risvegliatore di sogni come meglio crede? Perché poi là, dall'altra parte del velo, lì dove risiediamo noi, lì dove voi tornate, siete tutti quanti “saldi agli occhi di Dio”, e alla fine è questo che vi importa.

Se voi vi metteste per un attimo da parte, rispetto a questo, e guardate a questo come se fosse un gioco avvenuto molto tempo prima di voi, leggereste la cosa sotto un altro punto di vista.

Tutte le volte che sono arrivati questi risvegliatori di sogni, hanno portato un cambiamento, soprattutto a livello della vostra economia, è come dire che voi dovete battere il record del mondo e vi state allenando, dovete correre i 100 metri, per esempio, in 5 secondi e allora la prima volta correte e invece di impiegarci 5 secondi ne impiegate 5,5 e poi, dopo un tempo sufficiente, perché voi vi siete riposati, voi correte ancora quei 100 metri e ci mettete 5,4 secondi e così via così via così via… fino a che non arrivate a calibrare la vostra energia su quei 5 benedetti secondi. È una questione di goal, è una questione di obiettivo, è una questione di raggiungimento e di potenziamento e ampliamento di quelle che sono le proprie possibilità. E lo giocate individualmente e poi naturalmente, questo mondo è fatto in una maniera perfetta e ognuno di voi è connesso a tutti i suoi fratelli e sorelle, non solamente quelle incarnati – attenzione – a tutti i vostri fratelli e sorelle che sono stati prima di voi e che sono depositati nel vostro codice genetico come memoria preziosa, quella che i Portatori di Presenza ne Il Grande Libro della Scelta definiscono “la memoria eterna della razza umana”.

Dopo che sarà finito questo messaggio andate ad attingere a quella memoria eterna, “E come dobbiamo fare?”– ci potreste chiedere voi – è semplice, amati fratelli: siete dotati di respiro, e siete dotati di intento e quando voi mettete il vostro intento allineato con il vostro respiro non c'è messaggio dei Portatori di Presenza o di nessun'altra guida spirituale che tenga; la risposta che ricevete è allineata con la vostra verità ed è l'unica risposta accettabile, ed è l'unica risposta plausibile.

Le pandemie servono all'evoluzione dell'umanità? Non sono le pandemie che servono l'evoluzione dell'umanità, sono i risvegliatori di sogni quelli che servono a tutti quanti voi. Non tanto per evolvere (non è stata formulata proprio nella miglior maniera possibile questa domanda) quanto per accorgervi che siete:

VIVI!

(E se questo fosse un testo scritto qui la parola “vivi” sarebbe scritta tutta a lettere maiuscole nel centro della pagina).

Perché non ve lo dite? Perché non ve lo ripetete? Nel chiuso delle vostre dimore, nel silenzio delle vostre serate, durante le ore in cui riflettete su ciò che sta accadendo, perché non ve lo dite?: “Io sono vivo!”, “Io sono viva!”, ma sinceramente!

Sentite la vibrazione che procura al vostro corpo l'affermazione “Io sono viva”? Sentite la vibrazione che procura al vostro corpo l'affermazione “Io sono vivo”?

Sono vivo come uomo, sono vivo come donna, sono vivo come seme di Luce. Sono qui sono qui, sono qui! E questo momento è benedetto, è benedetto, è benedetto!

E così liberate dal dramma, una volta per tutte, coloro che hanno deciso, attraverso questo risvegliatore di sogni, di ritornare nel sogno divino; e così liberate dal dramma tutti coloro che devono prendere decisioni, invece, riguardo a situazioni politiche, riguardo a situazioni economiche.

Liberate dal dramma i medici, lasciateli andare nel fiume d'amore che sa trasmutare ogni cosa, tanto se voi avete deciso di vivere vivrete, e se voi avete deciso di morire morirete, non ci sarà la cura del miglior medico del mondo che potrà venire a salvarvi.

Liberatevi dal dramma, questo grande enorme dramma che piace tanto all'umanità e che fa tornare e tornare e tornare sotto forma di guerra e sotto forma di pandemie, sotto forma di catastrofi naturali. Tutto quello che c'è qua, dal pipistrello che probabilmente vi ha infettati, all'invasione di cavallette, allo tsunami… risponde alla vostra energia-pensiero.

E quindi i Portatori di Presenza stasera vi chiedono, e ve lo chiedono attraverso la sincerità e la trasparenza di cui noi siamo dotati: qual è il sogno – amato fratello, amata sorella – che stai pensando? Il sogno che stai creando, il sogno che ti stai costruendo, il sogno che stai perseguendo, il sogno che stai tentando di raggiungere, qual è?

È una bella domanda, vero amati fratelli? E forse è una domanda che non vi aspettavate, qual è il sogno che stai sognando in un momento così difficile, in un momento di dramma sociale, in un momento in cui è già stabilito, attraverso la vostra energia-pensiero, che dopo sicuramente e inevitabilmente ci sarà un periodo di recessione economica?

Ma perché? Vi chiedono i Portatori di Presenza. E se questo virus è invece qualche cosa che va – diciamo così – a pungolare i vostri sogni, perché ci deve essere necessariamente un periodo di recessione economica? Non potrebbe, forse, esserci un periodo di libertà personale, di libertà di pensiero, di espansione di se stessi… potrebbe essere quello, no?

E tutte queste vite che se ne sono andate, che se ne stanno andando, forse, dall'altra parte del velo, se voi riusciste a mettere in atto questo, sarebbero molto più felici, non credete? Come dire che il loro sacrificio non sarebbe stato vano.

Dove volete che arrivi il numero dei morti? Volete che arrivi a 10 milioni nel mondo? Volete che arrivi a 20 milioni nel mondo? Prima di fare così e risvegliarvi e chiedervi che cosa state sognando? Oh, ma guardate, amati fratelli, che nell'universo c'è un'abbondanza incredibile e se voi volete arrivare a 100 milioni di morti o volete arrivare a quel punto in cui tra 7 miliardi ne rimane solo uno, voi potete arrivarci, perché siete fatti in una maniera in cui, è vero siete individui unici, ma… uniti, interconnessi, interlacciati… e vi diciamo di più: siete uniti, non solamente con i vostri amori, ma siete uniti anche con i vostri nemici, siete uniti con coloro che non sopportate, siete uniti con coloro che vi stanno facendo la guerra, siete uniti con coloro che vi costringono a rimanere rinchiusi nelle vostre case, siete uniti con i politici che stanno decretando decreti, siete uniti con le forze dell'ordine che passano con le loro volanti nelle strade vuote a monitorare se voi state facendo la cosa giusta…

È quindi una questione di responsabilità civile, ma non tanto per osservare quei decreti, la responsabilità civile sta in questo: “Qual è il sogno che io sto sognando?”

Voi siete i benvenuti su questo pianeta!

Che voi siate l'untore, che voi siate il politico che decreta un decreto, che voi siate il virologo che afferma una verità scientifica a seconda o meno della trasparenza della sua capacità di pensiero, che voi siate un influencer nei social, che voi siate una persona che ha la sua importanza nell'opinione pubblica, che voi siate il fruttivendolo sotto casa che continua imperterrito ogni mattina ad aprire il suo negozio per darvi mele e cetrioli freschi… voi siete tutti quanti connessi!

In ognuno di voi c'è l'uomo politico, in ognuno di voi c'è il medico, in ognuno di voi c'è il verduriere, in ognuno di voi c'è il vigilantes, e in ognuno di voi c'è colui che ha deciso di passare oltre.

Amatele tutte queste parti di voi, amatele e riconoscetele e non combattetele, perché se state combattendo le forze dell'ordine che con le loro volanti pattugliano le strade perché siano rispettate le regole definite, be' voi dovreste guardare quella parte di voi… e non stiamo qui a fare un lungo elenco, perché siete qua con la vostra maestria e noi stiamo parlando da Maestri ad ognuno di voi.

Stiamo parlando da Maestri ad ognuno di voi e ci piace credere e ci piace dire che questa è un'altra sessione di insegnamento avanzato, qui, nella terra delle Guide del Verbo dove ognuno di voi è arrivato camminando con le proprie gambe…

Amato Maestro hai fatto un lungo viaggio, non nel senso che hai vissuto molte vite, nel senso che hai avuto il coraggio, ogni volta, di tirare fuori una parte di te, fa parte dell'esperienza vita, lo sapevi? Lo sapevi! È stata una tua scelta? È stata una tua scelta!

E quindi non venite a chiederci le pandemie che ruolo hanno nell'evoluzione dell'umanità, ma rispondete alla domanda dei Portatori di Presenza: “Qual è il sogno che io sto sognando?” E non sottovalutate qui la parola “sogno”, qui la parola “sogno” ha una frequenza altissima, si alza oltre tutte le altre parole, si alza oltre i verbi, i sostantivi eccetera…

Vorremmo che vedesse questa parola “sogno” scritta tutta a lettere maiuscole nel centro della vostra Vita, perché voi siete responsabili dei Sogni che fate!

E lo ripetiamo ancora una volta: i sogni che fate non sono certamente i sogni di cui fate esperienza alla sera quando andate a dormire, qui il sogno è come se fosse il sogno del poeta che sogna il suo mondo, il sogno dello scrittore che immagina, immagina, immagina… perché voi siete stati fatti per questo, non perché Dio ha stabilito e deciso che le cose andassero in questa maniera, ma perché ognuno di voi è figlio dell'Io sono la Grande Presenza Io sono e ha accettato – nel momento in cui ha deciso di diventare materia vivente nella materia fisica – questo assunto.

Sappiamo che il nostro amato canale femminile si sta un po' preoccupando e sta pensando: “Che ora sarà, starò dentro l'ora, ce la farò a fare tutte le cose come vanno fatte?” Va bene amato canale la finiamo qui per adesso, abbiamo detto abbastanza sappiamo che attraverso la vostra maestria voi farete tesoro delle nostre parole, non perché questo importi ai Portatori di Presenza, ma perché questo importa a voi, in quanto appartenenti alla razza umana.

E se è dramma quello che state vivendo, dramma andrete a creare e se è condizionamento quello che state vivendo, voi condizionamento andrete a creare, e se è scelta di libertà quella che state vivendo è sicuramente scelta di libertà quella che andrete a creare, e se è opportunità di cambiamento quella che state vivendo è opportunità di cambiamento quella che andrete a creare…

E tutti questi sogni, come per una magia che è inspiegabile anche con le parole dei Portatori di Presenza, continueranno ad essere interlacciati interconnessi e vivi, l'uno accanto all'altro, che voi lo vogliate o meno.

Forse questa – sì – è l'unica parte dove voi non ci potete proprio fare nulla, è l'unico punto di fronte al quale, ci dispiace dirlo amati Maestri, dovete chinare la testa e dire: “Io accetto”, esattamente come fanno i Portatori di Presenza, ed è per questo che noi possiamo in verità affermare che è solo la Verità quella che ci spinge ad essere qui, quella che noi nutriamo e seguiamo e perseguiamo nella nostra esistenza.

Ringraziamo i nostri amati canali di essere stati qui ancora una volta. Ringraziamo Pietro che è qui con la sua silenziosa presenza maschile e ringraziamo il nostro amato canale femminile di essersi prestato ancora una volta a dare voce ai Portatori di Presenza.

Salutiamo ognuno di voi con amore, salutiamo ognuno di voi amorevolmente, salutiamo ognuno di voi accogliendolo per ciò che è.

E questi sono i nostri più amorevoli saluti e questo per noi adesso stasera è uno stop…

Stop!

 

___________________________

*. Se desideri essere informato sulle "trasmissioni" de I Portatori di Presenza, clicca qui ed iscriviti alla News-Letter della Stazione Celeste.
 

**. L'ebook di Lavorare in modo semplice con gli Angeli, il primo libro dei Portatori di Presenza, è scaricabile gratuitamente su Anazon, GooglePlay e Applestore,  e in tutti gli ebook store.
  



 

 


I Libri dei Portatori di Presenza

 

* * *

 

 

www.stazioneceleste.it